martedì 14 settembre 2010

Tortine di mandorle e limone alle amarene














Tutto pianificato settimane prima.
Il prigioniero va trasferito con la massima cautela e senza preavviso, velocità, decisione e lucidità sono alla base della buona riuscita della missione.
Il giorno prima c'è stato un violento nubifragio che ha rinfrescato l'aria. Per essere una notte di metà Agosto fà quasi freddo. I brividi aggiuntivi sono per la tensione ma oramai non si torna indietro. Chi è coinvolto ha dormito un pò nel pomeriggio precedente ma l'adrenalina ha vanificato qualsiasi tentativo di arrivare riposati al momento convenuto. Alle spalle ore ed ore di riunioni e pianificazioni via via scrupolosamente perfezionate e dettagliate.
L'irrequietezza, quella resta ma non importa chi è del mestiere c'è abituato. Qualche collega scherzando aveva domandato con fare confidenziale e sotto voce:"...domani trasferite 'Hannibal'?...".
Nessuno aveva mai risposto anche se il sorriso contratto lasciava intuire tutto.
Era impensabile parlarne eppure era altrettanto difficile non mostrare un qualche segno di stima e supporto a chi condivide i medesimi oneri e rischi.
Alle 4:00 in punto tutto ha inizio. Le sbarre si aprono in modo fragoroso. E'prelevato in pigiama e di forza. Poco prima dormiva profondamente.
Non ha il tempo di riflettere, una mantella in testa lo copre nel passaggio dal grigio scuro dell'edificio sino al mezzo che lo trasporterà nella nuova sede di massima sicurezza. Legato subito. Non parla pur potendolo fare. E' guardato a vista.
Un pò frastornato. Chi lo segue da sempre con fare tranquillo nella sua quotidianetà ora dopo ora, adesso si muove nervosamente.
Un abisso di inquietuitudine li divide. Lui capisce e non li mette in inutile difficoltà.
Non prova a liberarsi o a valutare quanto sono strette le fibbie che lo stringono a quello schienale approntato appositamente per lui. Non conosce la destinazione, immagina però che tutta la famiglia ne è a conoscenza.
Non spera più nella libertà, ha uno sguardo affettuosamente dimesso eppure incute timore e rispetto.
Il silenzio è pesante. Pochi secondi dopo sono in viaggio.
Lui cerca una comodità che non è paragonabile al letto che aveva poco prima seppur contornato di sbarre. Oramai ha imparato la versatilità. Cerca il sonno per dimenticare, per non vedere.
Assopisce le forze che improvvisamente gli si erano palesate.
Non cerca spunti per complicare le cose, ha deciso di assecondare appunto chi, pur rispettando il proprio ruolo, con qualche 'sgarro' al regolamento gli ha reso puntualmente la vita più dolce.
Sotto la strada scorre veloce. Certamente ci vorrà del tempo. Chissà con la luce del giorno in quale posto si arriverà.
Nel più profondo del suo io sa che lo fanno per lui.
Alle 8:00 è sveglio. Gli viene servita la colazione senza che abbia il tempo di fiatare.
Un muffin, uno yogurt, latte caldo e qualche biscotto. Gli occhi blu sono colpiti dalla luce viva che filtra attraverso un finestrino parzialmente oscurato poco lontano.
E'ancora parzialmentente legato ma può mangiare liberamente.
La tensione piano piano si dilegua, adesso si intravede anche il mare.
Ha ancora un pò di sonno. Probabilmente trova gradevole riaddormentarsi fissando quel fondo carico di blu intenso come i suoi occhi grandi, quell'acqua ora calma ora increspata di ciglia bianche che assecondano un vento dispettoso.
Ha un sussulto di voce. Nel suo dialetto ermetico chiede con tono pacato ma perentorio il "mumumma".
Mia sorella si gira come attraversata da una scossa elettrica e gli passa il ciucciotto. Il più è passato.
Per questa estate il viaggio sino al mare di 'Hannibal' è andato.

Nota
Mio nipote 'Hannibal' ha poco più di due anni :)


Passiamo ora alla ricetta
Questa tortina è presa da un post di Lydia di TzatikiAColazione uno dei primi siti amici sui quali indugio la mattina con vero piacere.
Una sorta di colazione virtuale alla quale non rinuncio facilmente vuoi per la bravura dei due autori, vuoi per lo stile mai invadente che caratterizza il loro diario di viaggio in cucina e verso i quali ho un debito di riconoscenza per come mi ha/hanno accolto all'inizio quando ho aperto il mio piccolo blog.
La pasta è un biscuit di Philippe Conticini ripreso da Lydia appunto. Letteralmente da lacrime, per varie ragioni.
Mi spiego meglio. Quando l'ho preparata (la prima volta, perche adesso siamo già alla quarta...) casa era letteralmente inondata da un aroma caldo di mandorle che mi ha riportato indietro dritto-dritto a quando ero piccolo. Precisamente da mia nonna il cui appartemento era appunto sullo stesso piano del laboratorio di pasticceria che raccontavo qui.
Quel profumo di pasticcini di mandorle caldi mi è rimasto dentro.
La sequenza era ed è ancora questa...fino alle 09:00-09:30 profumo di lievitati da colazione...poi dopo le 10 la pasticcerica mignon alle mandorle scarta i primi e ne prende il sopravvento.
Considerate che tutt'ora non si rifugge da questa regola non scritta.. Casomai vi troviate dalle parti della Costiera Amalfitana...fate un fischio che vi dico dove andare a verificare di persona ;)
Tornando a me quindi preparo le tortine (primi giorni di Agosto, un caldo atroce...) le sforno e vado letteralmente in estasi per il solo fatto di vivere, forse farei meglio a dire respirare quell'aria impregnata dai toni caldi delle mandorle e del limone lavorati insieme.
Essendo Agosto come accennavo prima ho dato fondo a tutto la mia follia residua ed ho anche socchiuso le finestre per prolungare quell'assunzione aerea di effluvi dolci. Poi non contento si è fatto avanti il mio ego bello spropositato per l'occorrenza. Avevo necessità di condividerlo con qualcuno perchè quello non era solo un semplice dolcetto ma anche un bel ricordo.
La mia ragazza lavorava e quindi nisba...tra l'altro volevo farle una sorpresa per la cena...allora punto mia sorella, la chiamo ma lei è troppo impegnata con il nannerottolo di mio nipote, a stento le dico:"...ti assicuro lo stesso profumo della pasticceria di..., quasi quasi mi commuovo...ah ok...si ho capito sei incasinata ci sentiamo dopo...ciao" :(
Non contento miro mia madre...almeno la genitrice mi darà soddisfazione. Macchè. Appena accertatasi che la chiamata non era per urgenze mi ha liquidato in quanto stava preparando il pranzo della Domenica ed era in un momento cruciale.
Per farla breve mi sono messo sul divano, ho steso i piedi, le tortine bollenti sul tavolo vicino e con aria ebete per circa una mezz'oretta mi sono crogiolato in quelle fragranze calde.
Che la colonnina di mercurio in casa sorpassasse abbondantemente i 39 gradi visto il forno acceso è un particolare trascurabile tanto in pantaloncini corti, t-shirt e pantofole invernali non temo niente! :P
Però e che non si dica che non sono buono...malgrado in quel momento nessuno mi abbia degnato di attenzione li ho rifatti per tutta la famiglia...addirittura special-guest per mio cognato al cioccolato.
Sono o non sono buono?!
PS
Non avevo mai dato un significato preciso al verbo "sniffare"...adesso forse si! :PPP
Lydia grazie davvero per la condivisione...non hai idea della portata del tuo spunto!

Sciocchezze di contorno a parte se siete arrivati sin qui per la sola sudata fatta e per i "vaffa" masticati a mezza bocca per il post interminabile la ricetta a conclusione è un imperativo.
A seguire la preparazione di Lydia scritta con le mie modifiche:


Tortine alle mandorle e limone alle amarene

140 gr. di mandorle;
38 gr. di zucchero a velo;
50 gr. di burro;
1 albume;
buccia di 2 limoni grattugiati piccoli o uno medio;
un cucchiaio scarso di limoncello;

2 albumi;
20 gr. di zucchero a velo;

Preparazione
Mescolare le mandorle tritate con lo zucchero al velo, aggiungere il burro a pomata e mescolare, aggiungere l'albume e la buccia di limone grattugiata (visibile nelle foto).
Nel frattempo mescolare a neve gli albumi con lo zucchero ed aggiungerlo delicatamente al composto di mandorle.
Imburrare una teglia di 16 cm di diametro oppure usare gli stampi da savarin come nel mio caso (di silicone ma pur sempre leggermente imburrati) e versare l'impasto ed infornare a 180° per 15 minuti.
Io li ho cotti per circa 18 min.
Aspettare qualche minuto prima di sformare.

Come servirli.
Ecco. Io ho preferito riempire i savarin nei seguenti modi:
1) Amarene e gelatina di amarena ricavata dallo sciroppo delle stesse con mezzo foglio di gelatina incorporato a caldo in poco liquido e poi miscelato al resto. Decisamente le migliori!! Adoro le amarene ed il contrasto con le mandorle ed il limone è semplicemente da provare, riprovare, riprovare, riprovare, riprovare....
Insomma la mia preferenza l'avete intuita :)

2) Gelatina di albicocca. Ottime e delicate in questa versione. Molto chic forse troppo per me :PP Da provare anche queste.

3) Gelatina di fichi ricavata dalla marmellata di fichi opportunamente lavorata con poca gelatina in foglio filtrandola degli eventuali pezzetti di frutta. Onestamente io i pezzetti li ho lasciati perchè a me piace :P
Se la marmellata è alquanto soda evitate il passaggio con la gelatina ovviamente.

4) Con crema di cacao&nocciole spalmabile della Lindt...ma...mio cognato si è lamentato dicendo che forse la Nutella è migliore :P

Nota
Non provare a mettere lo sciroppo di amarene prima che la sua densità sia diventata quella della gelatina altrimenti data la porosità della pasta biscuit rischiate di vederevi svuotare il mini savarin davanti ai vostri occhi sul tavolo :)




































47 commenti:

  1. Ammetto di aver resistito a fatica all'impulso di correre alle ultime righe per scoprire chi fosse in realta' Hannibal, ma mi sono goduta il post come non mai!
    E grazie per aver riproposto queste tortine, da Lydia sinceramente mi erano sfuggite, ma la descrizione delle sensazioni che provocano e' talmente convincente da convincermi a salvare il tutto. Data la cronica mancanza di amarene nel deserto sfruttero' uno dei tuoi suggerimenti alternativi. Buona giornata!

    RispondiElimina
  2. ora, per dirti a che livello di asfaltatura cerebrale io sia già alle sette e mezza del mattino... avrei giurato che Hannibal fosse il lievito madre.
    E su questa, vado a nascondermi.
    Torno dopo, però: perchè queste tortine sono la fine del mondo!
    ciao
    ale

    RispondiElimina
  3. Ah ah ah, io pensavo che Hannibal fosse un cagnolino.... Povero piccolo, tra qualche anno che qualcuno gli faccia leggere questo post, chissà cosa dirà allo zio.
    Mario, sono felice che le abbia provate, a me sono piaciute da morire, e capisco la tua commozione al cospetto di certi profumi e certe fragranze, la prossima volta chiama me, io ti capirò e non ti arronzerò

    RispondiElimina
  4. P.S.
    Dimenticavo, sei troppo buono con me!!!

    RispondiElimina
  5. Che dire noi abbiamo fatto colazione con le tue tortine ed il tuo racconto noir anni 40...hai ragione anche noi quando partiamo con i bambini approfittiamo che dormano, bravissimo nella realizzazione della ricetta e nella scrittura del post!! Ciao Simona e Claudia

    RispondiElimina
  6. hannibal????
    Geniale.
    io il post me lo sono gustato invece, come faccio con tutti i tuoi.
    lydia è sempre una garanzia!

    RispondiElimina
  7. @Arabafelice
    Ehehehehehe
    Anche la mia ragazza quando l'ha letto la prima volta...era curiosa di capire chi fosse, poi per ovvie ragioni a metà racconto ha capito che si trattava del mio nipote nannerottolo :))))
    Le tortine provale. Considera che le versioni che ho riportato sono state tutte assaggiate...e nessuno si è lamentato :P
    Anzi sarebbe curioso vederle in nuove declinazioni.
    Grazie davvero :))

    @Alessandra (raravis)
    Ahahahahahahahaha :DDDDDDDDDDD
    Le tortine sono da "porcafigura" giusto per citare qualcuno a caso....:PPPPPPP

    @Lydia
    Ehehehehehe...uno spettacolo quell'aroma per casa eh?! :PPPPP
    Tutte le volte che le ho preparate...mi dava il buon umore solo il profumo!
    PS
    Il piccoletto se continua così tra qualche anno cucinerà insieme allo zio...visto che al momento il suo gioco preferito è individuare dai volantini pubblicitari cosa comprare per la spesa...per poi imporlo (e non scherzo) a livello decisionale una volta che si trova sul ponte di comando del carrello al supermercato! ehehehehehe :PPP
    Grazie come sempre a te per tutto! :)))

    @Le pellegrine Artusi
    Si, quello è certamente il momento migliore per poter 'agire' più liberamente ehehehehe
    Grazie davvero anche a voi, buonissima giornata :)))

    @Alem
    Lydia è una garanzia per bravura e per individuare sempre spunti interessanti un pò trasversali :)
    Alem, come sempre graziemille anche a te! ;)

    RispondiElimina
  8. No, dico (e dico veramente) tu hai una modo di scrivere unico! Resterei giorni e giorni incollato al video leggendo i tuoi racconti!!!!

    Confesso che al contrario di Araba, a metà racconto sono andato a sbirciare chi fosse Hannibal!!!

    ahahahah

    Inoltre mi hai fatto immediatamente venir voglia di provare queste tortine....e tu sai che lo farò...anzi, sai che ti dico: mi sa che le farò stasera!!!! (tanto a casa mia quegli ingredienti sono perennemente presenti)

    Grazie!!! :)))

    (e ovviamente grazie anche a Lydia)

    RispondiElimina
  9. Il motivo per cui sono una tua fan è proprio perchè scrivi in maniera pazzesca e in più pubblichi ricette da 5 kg di gioia l'una... e poi l'avrai capito che le mandorle sono per me irresistibili? Se mi autorizzi inserisco la ricetta nella mia raccolta, e se non mi autorizzi la copio e basta ;)
    baci

    RispondiElimina
  10. @Lo Ziopiero
    Ah ah quindi già sapevi che si trattava di piccolo nannerotto immobilizzato! ahahahahaha
    Per le tortine se un pò ti ho inquadrato...non sarai contento fino a quando non farai il tuo personale "aerosol" di mandorle calde...fino al primo assaggio, vero?! :PP ahahahahaha
    So già che cambierai qualcosa...e di questo non posso che esserne contento come per il gelato in modo da ridarmi la scusa per rifarle! ehehehehe :PP
    Grazie, grazie ed ancora grazie :))

    @Ginestra
    Eh sì!...che le mandorle siano per te buone anche per l'aerosol come dicevo prima a ZioPiero è una verità dal quale non possiamo prescindere ehehehehe
    Partecipo con gran piacere alla tua raccolta. Il banner se vedi l'ho anche messo :)))
    Grazie come sempre a te ;)

    RispondiElimina
  11. anch'io come araba ho resistito eroicamente ad andare a sbirciare chi fosse hannibal. fantastico!

    e adesso, me la fai avere una di queste favolose tortine o devo venire fin laggiù? (certo che la tua fidanzata è fortunata...)

    RispondiElimina
  12. Ecco, ci sono cascata..ti vedevo con la faccia assonnata ma vigile da non so..giudice, procutarore o qualche altro operatore della giustizia e ti ritrovo baby sitter. Dal ridere mi sganasciai...e poi vi vorrei dare un bacio in fronte a te e a Lydia: quasta delizia é naturalmente senza glutine !!!!!!!
    E anch'io me ne staró li, beatamente (da non confondere con beotamente) immobile, ad assaporarne il profumo..Baci..

    RispondiElimina
  13. @La Gaia Celiaca
    Il fatto di non aver sbirciato va certamente premiato non con una ma con assaggio di tutti i gusti! ehehehehe :DD
    Grazie anche a te! :))))

    @Glu.fri cosas varias sin gluten
    Preparale queste tortine...e procedi anche tu con questo aerosol naturale goloso&confortante...vedrai non te ne pentirai affatto! ;P
    Graziegrazie :))

    RispondiElimina
  14. Devo dirti che al principio (cioè fino a quando tu non l'hai detto apertamente) ho pensato che fosse il tuo lavoro... vedi il livello di "asfaltatura" mentale che io ho anche a quest'ora della sera...
    Per le tortine, la versione con i fichi mi ispira assai... sarà perché la marmellata di fichi e mandolre che ho fatto, mi è strapiaciuta?
    Stefa

    RispondiElimina
  15. Sei troppo simpatico, non si può fare a meno di leggerti fino in fondo! :) E le tortine mi sa che le proverò anch'io a breve. Il profumo delle mandorle mi attira proprio assai! :) E in casa non ci sono più 39 gradi! :) Bello bello bello il tuo blog! :)

    RispondiElimina
  16. Gamby...penso che oggi tu possa segnare un primato da record. Tu hai pubblicato stamattina, io li ho subito fatti nel pomeriggio. ahahahahaha

    ...sai, non pensavo potessero indurre tanta dipendenza!!!!
    Caccia subito fuori l'antidoto!!!!
    ahahahah

    (cosa mi dai se ti dico la variante?)
    eheheheehhe ;-)

    RispondiElimina
  17. Ma dai non avevamo capito che hannibal fosse il tuo nipotino! Un racconto da brivido!
    Seliziose queste savarin, in tutte e tre le versioni, anche se ci incuriosisce di più quella con le amarene....da l'idea di un maggiore contrasto di gusti!
    baci baci

    RispondiElimina
  18. Naaaaaaaaa! Ma quello era un esercizio di stile degno della scuola Holden! Potrebbe essere un ottimo saggetto di entrata (casomai volessi... sai com'è...).
    "Passando alla ricetta": che dire... una vera e propria madeleine (che nemmeno ha menzionato... troppo scontata per il pupillo Holden). Ma senti un po'... se diventi famoso le battiamo all'asta quelle ciabatte?? :/
    Anche io ho lo stampo da mini savarin, ma più mini di questi e lo uso per le preparazioni piu varie (ha visto anche un semifreddo gorgo e caffè), ma direi che se lo usassi così se lo ricorderebbe pure lui!

    RispondiElimina
  19. @Fantasie
    Fichi&mandorle è davvero un abbinamento irresitibile. Va da sè che vedrai se dovessi prepararle che la tentazione di farle multi-gusto è troppo forte fosse anche solo per capire come sono in altre declinazioni.
    Grazie come sempre :))

    @Rose di Burro
    Graziemille a te :) Se le prepari mi fai sapere poi. Come dicevo in qualche altro commento sono davvero curioso di vedere nuovi abbinamenti o rivisitazioni.
    Grazie ancora

    @Lo Ziopiero
    Ahahhahahahahah...sto ancora ridendo da quando ho letto il tuo commento.
    Incorregibilmente goloso...adesso però qui scatta la curiosità :P
    Facciamo una cosa...io procuro l'antidoto ma tu anticipa la pubblicazione con variante...ok?! ;PPPP
    Grazie per la fiducia :)

    @Manuela e Silvia
    Beh amarene&mandorle è decisamente la mia preferita nonchè un abbinamento classico di quelli ai quali non so mai dire di no :))))
    Son contento che vi sia piaciuto 'Hannibal' eheehehhe :P

    @( parentesiculinaria )
    Ehehehehehe mi hai fatto ridere di gusto stamane :D
    "Ciabatte&quadretti" all'asta...mhmm mi piace l'idea e poi con il ricavato (magari!) andiamo tutti insieme a mangiare fuori per conoscerci, che ne pensi?! :PPPPP
    PS
    Gorgonzola&caffè??? ahahahahahaha :PPPP

    RispondiElimina
  20. Gambetto, ma che splendide tortine....e anche io adoro le amarene!!!

    Ora vado a leggere l'intro alla ricetta!!

    Un sorriso al contrario,
    D.

    RispondiElimina
  21. Ehehehe ci siamo incrociati nel leggere i rispettivi post :)))
    Grazie davvero e complimenti per la torta di pesche che penso di 'rubarti' quanto prima!! :P

    RispondiElimina
  22. Racconto stupendo, portato avanti con la sapienza di un Simenon!!!

    E le tortine sono fantastiche, da provare senz'altro.

    Grazie!

    RispondiElimina
  23. @Maria Pia Bruscia
    Grazie a te...che mi imbarazzi, davvero!
    Dici la verità...un pò ti senti in colpa per aver preparato quei due capolavori di CottonCake, vero?! :PP ahahahahaha
    GRAZIE

    RispondiElimina
  24. mi sono molto divertito a leggere l'avventura di hannibal, magnifici questi dolci ricetta difficile da fare e migliorare ma vedo che l'impegno c'è è si vede, complimenti

    RispondiElimina
  25. Grazie come sempre Gunther! :))))))

    RispondiElimina
  26. Tu non ci crederai ma ho letto tutto il racconto di filato senza sbirciare, così ho potuto godere fino in fondo della tua eccellente prosa :-)
    I dolcetti di Lydia (mea culpa) ancora non li ho provati, come ben sai amarena e mandorla sono anche in cima alle mie preferenze.
    Mmh... per la verità temevo qualche variante tipo cappuccino/salame napoletano ahhahahhahaahah ;-)

    P.S.: scusa il ritardo nel commento ma ho avuto un paio di giornate impossibili!

    RispondiElimina
  27. @Nanninanni
    Mhmm....cappuccino/salame napoletano....quasi quasi ahahahahahaha :PPPP
    Scherzi a parte vedrai prima o poi una versione veramente bella di queste tortine...ma non posso accennarti altro ;P eheheheheh
    A te che dire invece se non GRAZIE davvero.
    PS
    Credimi e non è retorica, chi mi conosce lo sa...il commento fa piacere ed è indubbio ma è solo un di più per me :)
    non c'è nulla di cui scusarsi anzi :) sono io che devo ringraziare :)

    RispondiElimina
  28. Come di consuetudine mi riservo la lettura dei tuoi post, per i momenti di calma, in modo da "gustare" la prefazione, assoparare le tue impressioni e considerazioni sulla preparazione e leggere la ricetta (compresa di foto) ....
    E' ricco di suspence il racconto del piccolo Hannibal, ma la ricetta è spettacolare ed ho aprrezzato molto le varianti di gusto ....
    Anche a me piace sperimentare le declinazioni possibili e porre a confronto le opinioni dei familiari :)

    RispondiElimina
  29. :-D :-D :-D

    Pazzesco!! Il Thriller, dico. E la tua immaginazione!! Quella creatura angelica, occhi e sorriso dolcissimi nelle foto..diventa Hannibal!!
    Sei unico, sono notevoli anche le tue risposte ai commenti..l'immagine del nanerottolo sul ponte di comando.. ;-DDD
    Ho fatto male a leggere oggi la ricetta, mi tocca rimandare alla settimana prossima il controllo della glicemia....ho guardato e riguardato le foto e assaporato troppo odori e profumi. Nella lista? Ti abbraccio

    RispondiElimina
  30. @Milena
    Mi sa che abbiamo lo stesso approccio in cucina...non siamo contenti fino a quando non abbiamo indivuato un numero accettabile di sorrisi che gustano :PPPP
    Il resto, al confronto come la stanchezza o l'impegno profuso svanisce in un pluf! ehehehhe :))
    Grazie davvero di esserci :)

    @Petronilla
    Ehehehehe...credimi che il nannerottolo al ponte di comando è un vero ammiraglio del gusto altro che CapitanFindus!!
    Pianifica prima (sui volantini) e se per caso si passa davanti allo scaffale dove c'è quello che ha individuato...allora non ci sono santi...Hannibal ha la meglio! ahahhahaahahah
    PS
    Ok, questi appena possiamo te li facciamo provare ;)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  31. Hai centrato in pieno: grazie a te per la tua amicizia :D

    RispondiElimina
  32. Ti conosco solo oggi ( e solo per la curiosità di capire quale mente potesse creare una ScottonShameCake!!!!)....e devo dire che scrivi in maniera pazzesca...ma hai già scritto un libro???? ..."Le avventure di HAnnibal" per cominciare..e poi uno di cucina!!!!....Ciao Eli/Fla

    RispondiElimina
  33. Sì, ma così non vale... Già mi angoscia in quanto non-golosa dover cucinare una torta entro una data stabilita(meno male che ha almeno un po' di Giappone nel nome...), tu qui mi fai pure venire voglia di provare l'impresa anche con un altro dolce?! Infingardo...

    RispondiElimina
  34. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  35. Eh no eh! Lo sai come va a finire se ci metti l'amarena, dopo mi tocca fare un raid a casa tua! Non costringetemi (te e Gambetta) a somministrarvi del Pentothal per farvi confessare dove nascondete le amarene, e tutti queste meravigliose tortine!!!

    Hannibaaaaal :-DDDDDDDDDD
    Per un attimo ho pensato che fossi tu, ma poi la cosa non mi convinceva ahahahahaha

    RispondiElimina
  36. @Elisa
    Non per piaggeria...ma ti dico solo che la mia ragazza ieri sera è rimasta incantata dalle tue creazioni!
    Più la guardavo ammirata e...più pensavo:"...ma dove voglo andare con la Scotton..." ahahahahahaha
    PS
    Ancora ridiamo pensando a quello che hai scritto: "...guardavo gli ingredienti...ma non mi dicevano niente 'st'impuniti...così li ho presi e massacrati!"

    @Acquaviva
    Oh FINALMENTE!!!!!
    Ho appena intravisto il tuo post ed aspiro a trovare 5 minuti di pace per leggerlo come si deve.
    Bentornata...credimi si sentiva la tua mancanza. Sono disposto a sopportare tutte le riflessioni/inflessioni/crocifissioni sul Giappone ahahahahaaha ma senza il tuo blog sarebbe difficile...davvero ;)
    "Infingardo...". Mai avrei pensato che qualcuno mi appellasse così...ancora rido! eheheheeh :PP

    @Muscaria
    Sostanze psicotrope, Pentothal, e fumi di mandorle&amarene...l'ideale per una seratona direi, vero?! :PPP ahahahahahaha

    RispondiElimina
  37. Ho gustato e assaporato ogni singola parola, con molto piacere sono arrivata fino alla fine e la ricetta me la sono meritata anch'io.
    Complimenti, tornerò a trovarti più spesso, anzi ti metto nel mio blogroll, altrimenti ti perdo.

    RispondiElimina
  38. E chi sta meglio di noi? Facciamo un bel brindisi di inizio stagione con l'Assenzio! :-DDDDD

    RispondiElimina
  39. Dunque, questo racconto mi ha trasmesso una forte suspence all'inizio...pensavo davvero si trattasse di un terrorista (!)...massimo massimo il cane legato da qualche parte (!), ma poi quando scrivi "mumumma"...oh se non stavo morendo :-DDD
    A questo punto, capisco l'Hannibal :-DD ma pensavo si trattasse...del primo giorno d'asilo!!!!!! :-DDDDD
    ma si puòòòòò??????? :-DDDD
    Poi leggendo le tue impressioni su queste bellissime tortine, mi stavo commuovendo anch'io...e non scherzo affatto! Non voglio proprio pensare al loro aroma delizioso...ti dico solo che le proverò prestissimo!
    bacioni
    Ago

    RispondiElimina
  40. Per la seratona non dimentichiamo la colatura di alici e un bel piatto di norma scemarella!...(Ma che siano poi queste le sostanze psicotrope?!)

    P.s. La prossima volta che non sai con chi condividere aromi fragranti (e quindi anche assaggi ovviamente)...ricordati degli amici!!!!!

    RispondiElimina
  41. 'orcamiseria ma sono tortine di soli albumi! molto interessanti! ora vado a leggermi la storiella iniziale, se l'adsl mi regge qualche altro minuto ;-)

    RispondiElimina
  42. fantastico tuo nipote e spassosissimo il tuo racconto sai scrivere benissimo e mi sono persa nelle tue parole e queste tortine sono di una delizia, ho giusto degli albumi da utilizzare,baci imma

    RispondiElimina
  43. @Blunotte
    Sono rimasto incantato dalle tue creazioni di zucchero, senza parole. Quella veramente brava sei tu :)
    Grazie davvero :P

    @Muscaria
    Ahahahahahaha...io...anzi Noi ci stiamo di certo! :PPPP

    @Ago
    Posso solo ripeterti a mò di registratore 'incantato', provale...provale...provale...provale...provale ehehehehehe :PPP
    Hannibal adesso ancora non può per età...ma vedrai che da buon zio gliele faccio provare quanto prima queste tortine ;) ehehehe
    Grazie come sempre a te :)

    @Virò
    Ahahahhahahaha...e chi si dimentica figurati...anzi forse è il caso adesso che ci mettiamo a tavolino e ci pensiamo più seriamente...che dici?! ;P

    @sara b
    Se anche l'adsl non regge l'importante è che ti siano arrivati i dolcetti...il resto va da sè che fa tapezzeria ;)
    A presto e grazie come sempre

    RispondiElimina
  44. @Imma
    Grazie...detto poi da una cuoca partenopea bravissima come te non posso che esserne davvero lusingato :)))

    RispondiElimina
  45. me le ero perse...
    meno male che le ho trovate!
    ;-)

    RispondiElimina
  46. @Gaia
    Ehehehe :)))
    Provale che ne vale la pena ;)

    RispondiElimina