martedì 2 agosto 2011

Soufflè glacé pistacchio e fondente














L'estate ha i suoi ricordi, la sua luce. Di anno in anno assume una fisionomia diversa cosicchè nella piccola valigia di affetti personali che portiamo ognuna si correda anche di una colonna sonora o meglio qualora non ci siano piccoli capolavori associati a qualche evento emozionalmente rilevante, di un tappeto di refrain ripetuti inconsciamente, al limite (quantomeno per me) dello stato di ebetismo.
Un pò di giorni fa ero bloccato nel traffico e quasi per caso, anche se direi più per esigenza di distrazione, mi sono concentrato nell'ascolto di alcune canzoni italiane targate appunto estate 2011, musica che gira intorno, quella che non necessariamente ha un futuro* per l'appunto.
L'inizio è stato non disdicevole, Lorenzo Cherubini con un "Le Tasche Piene Di Sassi", testo più ricercato (rispetto alla media), musica minimale ma coinvolgente, peccato per la scelta delle parole con troppe esse che mette in risalto una 'zeppola' quasi ingenua, a tratti sin troppo evidente al limite dello sfottò bonario, quello che in modo divertito farei al mio migliore amico per intenderci.
"Sono solo stasera senza di te,
mi hai lasciato da solo davanti a scuola,
mi vien da piangere,
arriva subito,
mi riconosci ho le scarpe piene di passi,
la faccia piena di schiaffi,
il cuore pieno di battiti
e gli occhi pieni di te...".
Su "SSono SSolo" mi si slarga il sorriso, "mi vien da piangere" me lo contiene, "ho le SScarpe piene di paSSSi" mi fa quasi degenerare in modo ingiusto&irriguardevole...per poi pian piano riprendermi su "...e gli occhi pieni di te".
Onore al merito comunque, la canzone non mi dispiace e tutto sommato la zeppola vissuta con grande dignità è pur sempre un segno distintivo.
Purtroppo Isoradio dopo non è altrettanto buona con me, arrivano due il cui nome del gruppo dice tutto:"Zero Assoluto" con il loro ultimo progetto pop:"Questa Estate Strana". Confesso che per quanto mi sia anche leggermente applicato il testo insulso e quella musichetta che tanto ricorda il suono sordo di ernie inguinali discendenti, hanno deviato la mia attenzione sul primo proponimento di prestarvi attenzione. Di quel passaggio musicale è restato solo un vago dubbio, fugato subito da una rapida ispezione visiva e cioè che mi fosserò rotolati gli zebedei vicino ai pedali della frizione o del freno. Fortunatamente ero integro. Gli aggiornamenti del traffico davano nuova linfa ai miei timpani devastati dal duo fighetto romano.
Segue quindi Giorgia, "Il mio giorno migliore".
Non è la sua miglior canzone, non ne resto coinvolto più di tanto ma è pur sempre una signora-voce, conferisce dignità a qualsiasi cosa canta, quindi rilasso i muscoli del viso che prima contraevano le cartilagini dell'orecchio quasi a chiuderli e mi dispongo per una contingenza audio decisamente più accogliente.
Il fato è purtroppo davvero infame con me, dopo avermi illuso con un Lou Reed avvolgente ed un frizzante&ironico Raphael Gualazzi con "Calda Estate", mi lascia nelle mani di Syria, "Uno sbalzo di colore". Confesso che mi ero dimenticato di lei e soprattutto del dettaglio non di secondo piano in quella circostanza, che fosse anche una cantante. Nel constatare quindi a ragion veduta che un domani ci accorgeremo (tutti) che non ritorna mai più niente, pensando a Syria, effettivamente il fatto è accettabile al pari di una vittoria**.
Un massacro oserei dire. L'incipit è un deja-vù micidiale "Ti svegli e ami il giallo, ti sembra di sentire la tua infanzia..."...il sospetto che Syria fosse incontinente e che le manchi la cosa, artisticamente si intende, è qualcosa più di un semplice interrogativo ironico. Spero non rimpianga la fase che per Freud arrivava dopo quella orale. Il paradigma è completo, a fine canzone si affaccia tra i colori citati anche il marrone a dare appunto uno 'sbalzo di colore' ai ricordi sfinterici della nostra beneamata, d'altra parte la canzone potrebbe davvero avere enormi poteri lassativi. Tutto torna ora.
Il traffico è lento, siamo incolonnati, la radio l'ultima speranza per eludere il pensiero che mi spinge a rubare un'escavatore dal cantiere vicino e farmi strada con la ruspa, il tempo sempre lui, quando si è fermi in macchina, è davvero un alambicco che piano piano cola a picco*** la nostra residua vitalità. Ho tuttavia motivo di essere ottimista constatando che dopo tutto Syria non ha influito sul mio intestino.
Decisamente non è proprio la mia giornata. Arriva di fatto il turno di Alessandra Amoroso. Non reggo, nemmeno con la lucidità di poì posso andarmi a cercare il titolo di una canzone che 'depila' l'anima e la cute con il suo vivo senso di vittimismo (anche lei si rifà ai colori...si vede che è periodo....).
Una "voce che graffia" dicono...si ma solo le zone più intime e delicate, sempre loro le più martoriate di questa miscellanea audio, contundente ma colorata.
Confesso giro stazione radio a metà.
Vi ritorno dopo poco, oramai sono quasi a casa, gli ultimi due semafori ed impediti e/o impedimenti a parte sarò salvo. Collegamento quindi con l'Aeronautica Militare. Genova sotto la pioggia, il centro sud aspetta il vento invece in Sardegna in arrivo un picco di alta pressione. Dal colonnello a Pratica di Mare quindi si passa a Zucchero, "Vedo Nero". Un genio. Scrive una canzone per il nostro premier e nessuno gli dice niente, nessuno cioè che si prenda la briga di farlo Cavaliere della Repubblica in quanto in pochi come lui hanno saputo interpretare in modo così chiaro i non tanto segreti pensamenti del nostro primo minitro, che vede "nero" almeno quanto Sugar Fornaciari. La ripercorro con la mente una volta di più e mi vien da sorridere pensando a quanti la canteranno senza aver approfondito i mal celati doppi sensi. L'Adelmo nazionale è decisamente avanti nel mettere a nudo il vero stilema che guida l'operato del Cavaliere. Promosso a pieni voti, per me, sotto la categoria 'voce del governo', anche lui a ben vedere con un riferimento cromatico nella canzone...
Sono quasi a casa, manca poco, la radio mi propone un pallido Luca Carboni che fa 'le valigie'. Non ascolto del tutto ma quel poco mi basta per intuire che magari decidesse di fare, sempre artisticamente eh, i bagagli perchè di una nenia con ritmo ossessivo da videogioco degli anni 80' proprio non ne sentivo l'esigenza.
La valigia è la metafora del viaggio...nel suo caso mi auguro che sia di non ritorno, sempre e solo artisticamente parlando...sia chiaro.
Giro stazione, Radio2, Decanter, uno stralcio di presentazione di un vino e poi ancora lui Lorenzo Jovanotti, "Il Più Grande Spettacolo dopo il Bing Bang". La zeppola è imperitura ma contrariamente alla canzone precedente adesso c'è maggiore incisività nel ritmo. Chiudo tutto prima che termini, sono arrivato finalmente.
Nell'entrare a casa la santa che mi sopporta mi viene incontro guardinga ma anche sorridendo intuisce che sono 'più fuori' del solito e vuole smorzare l'insania che legge dietro le mie lenti. La guardo stanco, sudato fradicio, forse puzzo anche un pò dopo quindici ore fuori casa ed una buona passata nel traffico, gli occhiali a mezzo-naso che non si reggono nemmeno più...poggio le chiavi sul tavolo e stonando, con zeppola accentuata, rinforzo la voce ed inizio a canticchiarle:"...il più grande SSSpettacolo dopo il Bing Bang...il più grande SSSSpettacolo dopo il Bing Bang...SSSiamo noi...io e te!" :)


Nota rif.
*
**
***

Passiamo quindi alla ricetta.
Ho sempre amato i semifreddi e le torte gelato. Sbavo si può dire sin da piccolo su quei cartelloni di alluminio cromato che d'estate dai bar pubblicizzano tutta la linea di gelateria di note industrie alimentari, ragion per cui come potrete ben capire più di una volta mi sono 'scornato' tra le aspettative delle immagini e quello che 'esce fuori' da spettacolari confezioni tecnologiche con una lista di ingredienti tanto raccapricciante quanto invisibile agli occhi del goloso che sono.
Ma se la passione non è acqua tanto vale documentarsi in merito e procedere. Ecco che, ho letteralmente studiato preparazioni similari, sono passato da Milena di UnaFinestraDiFronte alla Cucina del Corriere della Sera, dal blog IDolciDiPinella fino ad alcune discussioni su un paio di forum. Una volta che mi sono fatto una idea precisa ho poi buttato giù la mia soluzione home-made ponendo l'accento sugli abbinamenti più graditi, ovviamente.
Non in ultimo Nanni, LaVetrinaDelNanni, che mi è venuto incontro con la sua "Torta Amalfitana Ricotta e Pere" dalla quale ho preso invece spunto per una base alla nocciola che si prestasse ottimamente alla realizzazione del mio dessert.
L'MT Challenge, sullo sfondo di tutto ciò, si è dimostrato quindi uno spunto o più che altro una spinta per 'portare' a casa una soluzione di sicuro effetto al palato e cioè il "Soufflè 'tortè' di nocciola e fondente al pistacchio".
Nome troppo lungo me ne rendo conto...vabbè per voi sintetizzerò in Soufflè glacé pistacchio e fondente, però, nome e foto a parte, vi assicuro che è una soluzione che rifinita sul piano estetico è decisamente un dessert da grande-figura, di quelli che anche chi a tavola non predilige il dolce dice:"...questo magari lo provo...".
Il perchè è subito detto. La base di nocciola imbevuta di Cointreau che non ghiaccia ma risulta sempre fresca al palato contrasta in modo ideale con quel cuore di fondente che a sua volta si scioglie perfettamente nel glacè di pistacchio.
Di solito viviseziono i dolci per 'capirli' meglio ed il più delle volte continuo a mangiarli separati (per una crostata ad esempio prima il bordo poi la parte centrale...aprendo la sfoglia sopra e sotto...) ma in questo caso non c'è alcun paragone con un cucchiaino 'complessivo'.
Potrei dire che crea dipendenza, ma non è il suo carattere dominante, la vera qualità è quella di non essere stucchevole, ma scioglievole con gusto prolungato. La foto del tortino purtoppo non è venuta come avrei voluto ma il motivo è presto detto. Per il rapprendimento del glacé al pistacchio occorre più tempo di quello della ganache. Avendo io tagliato con troppo anticipo chiaramente la parte al pistacchio è leggermente crepata sul cuore fondente.
Come vedete l'ho fatto in tre...ehmm...due formati, una torta da 16 cm di diamentro e in tortini da 5 cm (ne ho preparati 5).
Il perchè tre è semplice...con quanto è avanzato ho messo su un bicchiere da tavola imbardato fino al 'soffitto'...che in altezza non entrava nel congelatore...nel quale ho sostituito la ganache con composta di frutti di bosco.
In privato...per chi vuole...posso anche condividere la foto del mostro-glacè :P
Un ultima cosa, la ricetta non ha partecipato all'MT perchè io non ho capito bene l'intervallo di tempo nel quale proporla (pur essendo pronta prima) questo a chiaro sintomo che di recente sono con la testa altrove.
Per chi è arrivato a leggere fin qui, un grazie sentito e la richiesta di non arrischiarsi più in simili 'apnee', soprattutto d'estate! :P ahahahhahaha

Soufflè glacé pistacchio e fondente

Ingredienti

Per il Pan di spagna alle nocciole
65 gr. di zucchero semolato;
150 gr. di uova intere codice0;
90 gr. di nocciole (ho usato la Tonda Gentile romana di Viterbo)
30 gr. di farina 00;
50 gr. di burro;

Pan di Spagna alle nocciole
Tritare le nocciole insieme alla farina e sciogliere il burro a bagnomaria lasciandolo poi intiepidire lontano dalla fiamma. Con uno sbattitore elettrico montare le uova tenute a temperatura ambiente insieme allo zucchero (aggiunto gradualmente) per 15' circa, ovvero fino a quando la montata è ben gonfia e lasciandola ricadere a filo sulla massa rimane in rilievo (in gergo si dice appunto che "scrive").
A questo punto con una spatola si aggiunge prima la farina, rimestolando delicatamente con un movimento dal basso in alto e poi il burro fuso (oramai raffreddato).
Il Nanni correttamente consiglia di sacrificare parte della della montata (1/4 circa) mettendola in una tazza nella quale quindi si procede ad incorporare prima il burro fuso per poi integrarlo successivamente al composto principale.
In tutta onesta ho aggiunto il burro sulla sola montata delle uova (usando il frullino per non più di 3-4 secondi reali) e poi ho proceduto manualmente con la spatola per la 'farina' di nocciole e posso dire che alla fine il composto ha perso aria in modo decisamente poco apprezzabile se valutato nell'ottica della resa complessiva.
Ho usato per la cottura uno stampo da 22 cm imburrato&infarinato a 180°, forno statico, ripiano medio per circa 30'.
Con il pandspagna alle nocciole ho ricavato due dischi (una volta tolta la calotta) con i quali ho preparato sia la torta, sia i minitortini. Nel valutare voi, le foto della resa dello stesso, in altezza e per alveolatura spero si intuisca che il passaggio più furbo (burro con frullino per 3-4 secondi) per simili preparazioni può essere fatto senza problemi particolari.

Soufflè glacé al pistacchio
300 gr. di panna (50 gr. per la pasta di pistacchio + 50 gr. per la ganache al cioccolato + 200 gr. per il soufflè glacé al pistacchio)
45 gr. di pasta di pistacchio pura senza coloranti, additivi...(io ne ho usato di meno ma 45 gr. penso sia la giusta misura);
110 gr. di albumi;
25 gr. di zucchero a velo;
150 gr. di zucchero semolato;
10 gr. di Cointreau;
55 gr. di cioccolato fondente al 70%;
7 gr. di cacao amaro (Lindt);
250 gr. di yogurt al pistacchio;

Ganache al cioccolato
Portare 50 gr. di panna al limite del bollore con i 7 gr. di cacao amaro. Far sciogliere a bagnomaria i 55 gr. di cioccolato fondente. Aggiungere a questo punto tutto insieme la panna ancora molto calda e procedere con un mixer ad immersione avendo l'accortenza di non incorporare aria. Aggiungere quindi, quando il tutto si è leggermente raffredato, in modo continuativo ma lentamente i 10 gr. di Cointreau. Il liquore in questo caso l'ho adoperato in sostituzione del glucosio per abbassare il punto di congelamento del composto per una migliore resa in termini di 'morbidezza' dell'intero semifreddo.

Soufflè glacé al pistacchio
Studiando, al mio solito, la meringa italiana (qualche manuale di cucina, alcuni blog) alla fine si può concludere che (pur con le dovute eccezioni) da un punto di vista del bilanciamento il peso dello zucchero deve sempre essere il doppio di quello dei tuorli mentre l'acqua usata per lo sciroppo sempre un quarto dei primi.
Io ho leggermente stiracchiato questa 'regola' in virtù del fatto che gli yogurt usati fossero non bianchi e quindi con un contenuto 'dolce' tale da essere compensato e non ulteriormente accentuato.
La scelta poi dello zucchero a velo in piccola percentuale è stato fatto per aggiungere un minimo quantitativo di amido che contribuisse al mantenimento della struttura del composto del soufflè.
Detto ciò, allora ho preso 50 gr. di panna l'ho portata al limite del bollore ed alzandola dal fuoco vi ho sciolto dentro i 45 gr. di pasta di pistacchio, usando anche un colino filtrante in modo da eliminare/ridurre eventuali e naturali piccoli grumi. Ho lasciato raffreddare il composto girando di tanto in tanto.
A parte invece ho montato a neve ferma i 110 gr. di albumi con i 25 gr. di zucchero a velo. Contemporaneamente ho cotto lo zucchero semolato (150 gr.) in 44 gr. di acqua, fino al raggiungimento dei 118° (in teoria l'ideale è 121°).
A questo punto continuando con il frullino ho versato lo sciroppo di zucchero lentamente sugli albumi montati, avendo l'accortenza di non farli ricadere sulle fruse in movimento in modo da non avere la formazioni di inestetici e poco gestibili "fili rappresi". Si monta il tutto fino a quando non si ottiene una meringa lucida e decisamente ad una temperatura inferiore rispetto al momento dell'aggiunta dello zucchero.
Monto quindi immediatamente i 200 gr. di panna ed incorporo gradualmente sia la pasta di pistacchio sciolta nei 50 gr. di panna (adesso fredda) sia i 250 gr. di yogurt al pistacchio ed infine la meringa.
Mi sono fermato quando la massa era omogenea e decisamente ancora ben montata.

Assemblaggio torta
Cointreau per la bagna;

Ho usato un cerchio da pasticceria da 16 cm. rivestito di carta forno ritagliata con una altezza che sia almeno il doppio di quella dello stampo fisso. Ho quindi posto alla base una circonferenza di pari diametro di Pan di spagna alle nocciole (prelevato da uno dei due dischi tagliato con lo stesso stampo) e l'ho bagnata in modo uniforme con Cointreau al naturale.
A questo punto ho aggiunto sopra la ganache al cioccolato ed ho riposto in freezer per 20' al termine dei quali ho completato con il composto al pistacchio arrivando sino quasi al bordo della carta forno.
Tutto in freezer almeno per una notte.

Assemblaggio tortini
Cointreau per la bagna;

Ho usato dei mini cerchi da pasticceria da 5 cm. anche questi rivestiti di carta forno ma con altezza di poco superiore a quella degli stampini stessi. Ho quindi posto alla base una circonferenza di pari diametro di Pan di spagna alle nocciole (prelevato da uno dei due dischi tagliato con lo stesso stampo) e l'ho bagnata in modo uniforme con Cointreau al naturale. A questo punto ho aggiunto un paio di cucchiaini di ganache al cioccolato facendo in modo che non arrivasse al bordo in modo da creare un cuore fondente. Riposo in freezer per 20' (giusto per farlo rapprendere un pò) e poi ho versato su ciascuno a chiudere il composto al pistacchio arrivando sino quasi al bordo della carta forno. Anche questi in freezer almeno per una notte.


24 commenti:

  1. ahahaah sei troppo simpatico!!!! quello che hai detto delle canzoni è tutto simpaticamente vero!!! :D
    direi che mi ispira simpatia, in questo caso "famelica"; anche il tuo meraviglioso soufflè glacè!!! ;)

    RispondiElimina
  2. Se il tuo post mi ha fatto sorridere fin dall'incipit, devo dire che arrivata a Siria ero letteralmente cappottata dal ridere.
    Con questo post ti meriti la OLA DELLA SETTIMANA per lo stoicismo con cui hai ascoltato una serie di canzoni penose, e per lo sprezzo del pericolo che correvano i tuoi poveri zebedei. :-D

    Per quanto riguarda la ricetta, sospettavo che non fosse affatto la "ca*atina" che dicevi e ora ne ho la conferma: QUESTA RICETTA E' DA URLO e posso confessarlo? E' la ricetta che avrei voluto pensare io. Sul serio.

    Un abbraccio a te e alla Signora con l'aureola tutta tempestata di brillanti!

    RispondiElimina
  3. Sullo spettacolo di torta non dico niente e ho gia' detto tutto.

    Sappi che in macchina, anche i legumini cantano a squarciagola sia Lorenzo che Adelmo, comprese le 3 canzoni citate.

    Ovviamente il doppio senso è lontano e a volte pure la comprensione delle parole:
    addirittura, ieri sera, a cena, hanno voluto quello che loro chiamano 'il piu' grande spettacolo dopo il big MAC'... un panino al latte farcito su due strati con mozzarella, pomodoro, cotto e 'maionese'...

    ;-)

    RispondiElimina
  4. se senti un soffio di vento tipo raffica di bora dalle tue parti, sappi che sono i sospiri di sollievo di tutti quelli dell'mtc, che non solo benedicono il neurone altrove, ma stanno preparando una compilescion di successi di fine estate, da propinarti per la prossima sfida. Non sia mai che tu decida di partecipare in tempo e di uccidere la gara, sai com'è.
    In ogni caso, questo NON è il dolce che avrei voluto pensare io: è inutile che demoralizzi il neurone, con aspettative che sappiamo tutti e due che nun ja fa. Semmai, questo è il dolce che vorrei mangiare io, assieme a tutti quelli che vedo qui di lato, per dire, e a tutti gli altri che ho ben impressi nella memoria. In attesa che si imprimano anche nel girovita (riusciremo a vederci, prima o poi???) ti saluto anche da qui, visto che sto partendo. E già rido, al pensiero delle reazioni alla colonna sonora da qui all'aereoporto... te possino...:-)
    ale

    RispondiElimina
  5. Sei troppo forte!!hai ragione sulle canzoni, ma in macchina spesso si canta senza ascoltare quello che dice la canzone...troppo spesso quando la si ascolta davvero ti vien da piangere!!!...il
    soufflè è meraviglioso!!!

    RispondiElimina
  6. Ciao Gambetto...io sono un tipo più stile Lou Reed e Gualazzi per questo in macchina ascolto quasi sempre i cd ;) il tuo soufflè glacè è divino!!! segno e prima possibile replico;)

    RispondiElimina
  7. :-DDDD SSSei un Grande!!! e il SSSoufflè è uno SSpettacolo,e io sssono qui sssola sssenza
    dolci in casa, davanti a un piatto sssenza sssoufflè...

    RispondiElimina
  8. @°Glo83°
    Troppo gentile :)
    Ascoltare le canzoni con attenzione è davvero fonte di distrazione...qualche volta mi piacerebbe conoscere da vicino gli autori per scambiarci quattro chiacchiere...e capire se sono io eccessivamente pesante o loro decisamente leggeri :P ehehehehe

    @Mapi
    Addirittura la OlaDellaSettimana! Grandioso...questo stempera la mia stupidità nell'aver letto male i tempi di presentazione per l'MT :P ehehehhehe
    Per la ricetta invece ti dico che sul piano dell'inventiva non c'è nulla di eccezionale ho solo messo vicino preparazioni che mi ispiravano per gusto, rifacendomi tutto sommato ad un clichè abbastanza (ri)visto, che però non avevo mai provato.
    Guarda su serio penso che sia soprattutto esteticamente una "ca*atina" e ti spiego subito il perchè.
    1) Il bordo di ganache non doveva sporcare la parte di pistacchio, poi in fondo andava bene anche quel finto casuale, ma la mia idea era prettamente geometrica&pulita.
    2) Il pandispagna andava tagliato più sottile per un effetto estetico migliore ma a me piace più consistente e quindi come dire, in virtu di un gusto personale ho sacrificato una migliore resa all'occhio (e dire che lo so che sono meno fotogenici i dolci così...).
    3) Sopra il glacè andava guarnito con nocciole tritate e qualche pistacchio al centro...io animalescamente l'ho 'fermato' con la macchina fotografica nudo&crudo...insomma un mio indubbio limite.
    Il mio confessare che è una "ca*atina" è perchè credimi spero sempre che la volta successivi non faccia solo l'80% del lavoro ma lo completi anche in modo degno...ed invece mi fermo appagandomi solo per il gusto.
    Ne sono certo, se dovessi rifarlo tu, verrebbe un capolavoro da rivista patinata...e non scherzo eh.
    Per tutto il resto invece non posso dirti grazieeeeeeeeeeeeee :)))
    Un abbraccio :)

    @Gaia
    E' veramente bella la versione 'il piu' grande spettacolo dopo il big MAC...' penso che tu possa davvero essere orgogliosa!
    Sappi che la versione casalinga di prodotti 'di gran successo' è una costante anche mia...ti avrei fatto vedere mia madre come si alambiccava il cervello per creare una "girella" e battere sul suo stesso terreno il 'golosastro'.
    Se non ti dispiace...prendo in prestito la canzone dai legumini e la canticchio anche io al prox panino che preparo per Gambetta"il piu' grande spettacolo dopo il big MAC, il piu' grande spettacolo dopo il big MAC..." :P ehehehehehe
    Grazie come sempre :))

    RispondiElimina
  9. @Alessandra (raravis)
    Macchè io all'MT faccio, aggiungerei in modo decisamente orgoglioso, parte dell'arredo e null'altro i pezzi forte sono altri e lo sappiamo entrambi ;) e se da una parte sono nel periodo delle scuse perchè mi perdo letteralmente i 'pezzi' e non scherzo affatto dall'altro sono anche solo soddisfatto di aver trovato il tempo per dedicarmi al dessert che vedi sopra (rifatto per ben due week-end per farlo assaggiare a chi non ne aveva avuto la possibilità la prima volta).
    Tra l'altro giusto per inciso quando ho iniziato a leggere il tuo commento "...se senti un soffio di vento tipo raffica di bora dalle tue parti..." ho pensato da subito al Principe del Vento :D ahahahahaaha...metti che volevi vendicarti e me lo mandavi direttamente a casa! :P hehehehehe
    PS
    Mi raccomando "comportati bene" fuori casa, fai scorta di gusti nuovi, di spunti diversi in cucina come per ogni altra cosa e non 'cazziare' nessuno :D ahahhahaahahaha
    A presto Mein-Chef :)))

    @Franci e Vale
    La cosa migliore è piangere...dal ridere ovviamente...diciamo che la radio con le sue canzoncine estive ben si presta...io la uso quando posso come antistress per distrarmi e per capire come possa essere la figura tipo dell'autore di canzoni! :P ehehehhehe
    Grazie di tutto :))

    @Giovanna
    Di solito anche io ho qualche cd-salva-la-vita però in macchina solitamente salgo sempre carico di pensieri che nemmeno ci faccio caso...poi certo fermo nel traffico pur di evitare di dare forma concreta ad un 'giorno di ordinaria follia' cerco la distrazione anche così...quando non resisto più quindi stremato...passo ad un cd :P ehehehehehe
    Grazie come sempre e quando lo rifai mi fai sapere...:)))

    @Petronilla
    SSSei troppo buona con me...come SSSempre.
    In atteSSSa di capire dove e quando ci vredemo per mangiarci inSSSieme questo SSSoufflè :P ehehehhehe
    Un abbraccio e grazie :))))

    RispondiElimina
  10. Ho letto tutto fino in fondo...sei mitico!
    hai un modo di scrivere veramente coinvolgente...
    per non parlare poi della ricetta: SSSublime!

    RispondiElimina
  11. non c'e' che dire sai il fatto tuo,il risultato per tanto studio e perfetto,direi che potrei usare quel souffle' glace' per le mie cene.Complimentoni!

    RispondiElimina
  12. e pensare che quando parlavi delle zeppole di lorenzo mi veniva in mente una nuova versione di quelle di san giuseppe ;-)))))

    fai morir dal ridere, carissimo, e ti ho letto pur sapendo che in vacanza dove sono non potevo leggerli tutti, i blog che seguo, insomma, mi sei nel cuore. anche perché resistere ai tuoi dolci è impossibile. im-pos-si-bi-le!

    e questo non smentisce. il più godurioso soufflé glacé che abbia visto...

    RispondiElimina
  13. passa a rai 3, muori di noia ma come diceva o ogni piè sospinto un argentino in italia: che culturaaaa !
    Anche un MP3 può essere utile, persino un lettore Cd............nel frattempo vivisezioni un altro dolce e io archivio.
    SSSSShi SSSSSSShi zeppolando archivio

    RispondiElimina
  14. Hihihi sei arrivato un po' lungo per l'emmetici?! Peccato! Che spettacolo di souffle', pure il pan di spagna alle nocciole hai fatto, pazzesco...la tua critica musicale e' ineccepibile, non conosco la canzone di Zucchero, la cerco E' sempre uno spasso leggerti...grazie per queste delizie, racconti e dolci...ciao, Cris
    Ps: manda la foto del mostro :-))

    RispondiElimina
  15. Ancora rido... un'analisi da 110 e lode, sai quante volte ho avuto i tuoi stessi pensieri... nel traffico o anche sotto la doccia (quando non ho la sfiga di beccare solo pubblicità -.-" e in quel caso son dolori alle volte peggiori!).
    Ritornando al tema delle canzoni estive, beh... io faccio parte della categoria di quelli che, anche se si impegnano con tutte le loro forze, non riescono proprio a scampare dai tormentoni... sai quelli tasci tasci, burini burini e chi più ne ha più ne metta?!? Che poi dico io... il mio problema è sempre stato uno solo: se ad una canzone associo un'esperienza bella o una persona è la fine... potrà fare schifo quanto voglio, ma non riuscirò mai ad esimermi dall'ascoltarla -.-"""""

    Del dolce che dirti, ti è venuto perfetto, alla vista è inappuntabile... per la prova sapore... spero ci sarà occasione :p

    Baci

    RispondiElimina
  16. Tralasciando tutto...questo soufflè è un vero capolavoro!

    L'idea di trasformare l'arte zuccherina in una vera professione sarebbe da considerare (e tante volte servisse un'assistente...)!

    Virò

    RispondiElimina
  17. che gran bel soufflè glace, e quanto tempo per prepararlo un gran lavoro ma ne vale la pena :-)

    RispondiElimina
  18. Dunque: avrei retto quasi tutto....persino Syria...ma la Amoroso no!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! in effetti in che senso sia "graffiante" la sua voce è meglio non sapere ;-) Tu sei un genio ( l'avevo già capito ai tempi de "Il pricipe del vento". Quanto al soufflè, nulla questio: meglio di così si muore...

    RispondiElimina
  19. Ehi.... ci sei?!
    Elle

    RispondiElimina
  20. i tuoi post sono sempre lunghi, ma quando riesco è troppo uno spasso leggerti :-D

    Elbira/Ciboulette
    http://unfiloderbacipollina.blogspot.com

    RispondiElimina
  21. come dice elvira i tuoi post richiedono il tempo per leggerli con calma e ne vale la pena. condivido quasi ogni parola di ciò che hai scritto (s parte che ho la personale convinzione che lorenzo sia il nostro poeta contemporaneo) e ammiro beata il tuo soufflè. ps credo di essere stata in coda in autostrada con la stessa playlist ;)

    RispondiElimina
  22. A tutti.
    Scusate il ritardo nella risposta ma il blog è proprio come una droga e quindi di tanto in tanto meglio disintossicarsi per restare lucidi e con il medesimo spirito (o quasi) con il quale si è iniziato a scrivere pubblicamente.
    Grazie per la comprensione e ben trovati.

    @LadyPaola
    SSSei troppo gentile con me. Bentrovata e davvero grazie :))

    @Neve di marzo
    Se lo hai fatto me lo fai sapere. Appena ho un minuto tra l'altro verrò a curiosare nel tuo blog che ho intravisto di sfuggita e l'ho trovato ricco di spunti :))

    @La Gaia Celiaca
    Miii che onore...ed io come ripago con una misera risposta appena appena un mese dopo.
    Le mazzate non bastano vero?! :P ehehehhehe
    Grazie davvero Gaia, i complimenti fanno sempre piacere ma quando arrivano spontanei e schietti come i tuoi regalano un sorriso in più. Per la tua schiettezza adesso cosa devo aspettarmi...un bel rimprovero per averti risposto solo adesso?!...Ok...sono pronto! :P ehehehehehhe

    @Glu.fri cosas varias sin gluten
    Qui in Italia la cultura manca...
    Manca la cultura del buon senso prima ancora che quella accademica...e meno male che ci consoliamo con le nostre cucine, di meno con le fesserie che scrivo io...ma forse con i nostri dolci un pò di amaro lo leviamo che dici?? :))))))
    Un abbraccio :)

    @Poverimabelliebuoni/insalata mista
    Sono arrivato...iindubbiamente si con il cervello...e devo dire che non lo recupero nemmeno ora a circa un mese da quella delirante mattina nel quale ho scritto il post di getto. Devo preoccuparmi?! :P ahahhahahhaha
    Grazie come sempre Cris...recupero la foto e te la giro in privato ;)

    @Gialla
    Come darti torto, la vera congiuntura 'negativa' è quando il caso ti fa associare ad un episodio divertente da ricordare una canzone idiota di quelle che ci si vergogna anche solo a fischiettare...quelle per le quali potresti anche pagare uno psichiatra purchè te le levi dal cervello! :D ehehehehehehe
    Detto ciò, tu/voi siete abituati benissimo ai dolci sia per la tua cucina sia per il posto dove vivi...quindi casomai un giorno ci rivediamo ad un tavolo io preparo solo cose salate per non sfigurare :P ahahahahhahaha
    Grazie come sempre di tutto! :)

    @Anonima Virò
    "Tralasciando tutto..." io in modo professionale so solo mangiare dolci non altro...ma se l'assistente che mi proponi è la stessa persona che conosco io...una cuoca eccellente che ancora mi fa ripetere orgoglioso e gaudente in giro quello che ci ha preparato...allora accetto volentieri anche l'idea di lanciarci in qualche sfida più grande di noi :)))))))
    GRAZIE

    @Günther
    Tra i vari siti di amici consigliati, questa estate il tuo nome è spuntato in numerevoli occasioni e devo dire che ogni volta che cito il tuo blog a chi non ti conosce questi ritorna sempre a me con un 'sentito grazie'.
    Insomma il vero servizio pubblico lo svolgi tu, io come ben sai mi diletto a perdermi in un dessert o nelle tavolette di fondente..."quisquilie e pinzillacchere" direbbe un mio compaesano :P ehehehehehe
    Grazie

    RispondiElimina
  23. @Francesca
    Graffiante...già hai ragione forse è meglio non sapere in quale modo lo sia! :D
    Di certo alcuni cantanti, ma meglio faremmo a dire i loro autori quando non sono compositori in prima persona, andrebbero davvero conosciuti pubblicamente per capire quale forma di vittimismo e demenza possa colpire l'essere umano in forma così eclatante. A volte mi chiedo...ma quanto sono costretti certi interpreti a prestare la propria voce a delle futilità adolescenziali ai limiti del patologico fatte canzoni in nome del dio-vendita...
    Mah...consoliamoci con i dolci e con il pensiero che fortunatamente si ha ancora (o quasi) la libertà di scegliere altro :)
    Grazie mille per il tuo contributo :))

    @Anonimo
    "Elle"...who are you? :)
    Cmq adesso ci sono...vuoi mica menarmi per caso? :P ahahhahhaah

    @Anonimo Elvira/Ciboulette
    Grazie davvero...sull'essere sintetico dovrei invece lavorarci non sai quante 'mazzate sulle mani' mi prendo da quella santa che mi sopporta che usa dire:"...ma meno pesante e più sintetico, no???" :P ahahahahahahha

    @Silvia.moglie
    Tempo "per sopportare tutta la mia pesantezza...." direbbero a casa mia !!! :P ahahahahaaha
    Silvia, sei gentilissima come sempre :)))
    Tornando invece al post Lorenzo Jovanotti è effettivamente un valido tentativo di uscire dal supermercato del banale quale è diventata un pò la nostra canzone autorale. Condivido in pieno la tua considerazione anche se la strada per la poesia è decisamente lunga soprattutto considerando il patrimonio italiano in merito (De Andrè, De Gregori, Fossati, ...)
    Detto ciò in coda in autostrada con una playlist similare è davvero una contingenza degna di un addestramento militare alla tortura psicologica! :P ahahahahaahaha

    RispondiElimina
  24. Bellissima questa ricetta: semplice, pulita e lineare di quelle ch piacciono a me... ed il pistacchio, mi ispira proprio. Di corsa nell'elendo di quelle da provare... grazie!

    RispondiElimina