martedì 9 aprile 2013

Pandolce alle pere


Acquistare al supermercato è uno sport che riserva sempre qualche sorpresa a volte dal risvolto carino, altre meno. Di recente ho comprato del Parmigiano Reggiano che mi occorreva per una torta rustica salvo poi essere lasciato intonso visto che nel corso del pomeriggio che avevo dedicato alla stessa, l'idea di partenza era evoluta sino a trasformarla in una pitta ripiena che a me piace decisamente di più e che non prevedeva formaggio come ingrediente.
C'è da sottolineare che non lo acquisto mai al super e non certo per una forma di snobbismo quanto per il fatto che mi arriva direttamente dal negozio di mio cugino, salvo appunto le eccezioni come queste che mi trovano sprovvisto. Una sera quindi, complice anche il fatto che ultimamente ho qualche restrizione alimentare da osservare, ne ho preso un pezzettino per chiudere la cena con il classico schiocco di pane pizza sfornato da poco. Con mia grande sorpresa quel cubetto di Parmigiano profumava di noci, il sapore idem. La grana infatti era attraversata da una vena persistente di noce fresca tale da farmi scartare anche l'iniziale idea che fosse stato tagliato con un coltello in precedenza a contatto con tale (suddetta) frutta secca. MissD. anche lei alquanto stupita della cosa.
Troppo stanco per chiedermi il perchè ed il per come l'ho riposto in attesa di trovare una motivazione-spiegazione che evitasse la definitiva strada della monnezza, visto che cerco sempre di non buttare nulla. L'episodio in realtà era anche stato accantonato al pari appunto dello spicchietto giacente sul ripiano medio del frigorifero dedito ad aromatizzare di noce il reparto latte-e-i-suoi-derivati, fino a quando qualche giorno dopo non mi sono ritrovato a portata di mano, sempre nel medesimo supermercato l'addetto responsabile al banco salumeria che defilato rispetto alla affollata zona servita, era dedito a dissossare un prosciutto insieme ad un collega molto più giovane di lui. Ho approfittato della situazione favorevole, mi sono avvicinato e devo dire che inizialmente non ho suscitato grande curiosità se non per il fatto che il caldo pomeriggio mi rendeva quanto mai bizzarro sotto un pesante giaccone invernale semiaperto dal quale spuntava un lupetto nero al collo ed un viso lucido di stanchezza, caratterizzato da un altrettanto opaco paio di occhiali arrivato a metà naso. A bassa voce dico:"La posso disturbare?";
Il commesso anziano, si ferma, non alza la testa dal prosciutto ma solo gli occhi quel tanto che basta per fare cenno di si senza proferire parola.
Io:"La scorsa settimana ho acquistato del Parmigiano Reggiano qui e quando l'ho provato sapeva di noce...". Il commesso giovane a questo punto, prima intento a reggere i coltelli, inizia una lenta risata cercando con lo sguardo il collega di fianco a lui. Me lo guardo con l'aria di un ebete anche perchè non ho alcuna intenzione di fare storie, la piccola folla in attesa del proprio turno, lì accanto è già abbastanza curiosa di suo, tanto da ingannare i minuti volgendo di tanto in tanto sguardi&orecchie verso di noi.
Faccio finta di nulla e continuo:"...sa, ho pensato anche che fosse stato tagliato con un coltello usato per qualche altro formaggio e quindi...". L'addetto anziano oramai interrotto ha riposto lo strofinaccio con il quale teneva saldo il morso da suino, ha raddrizzato la schiena e con molta gentilezza mista ad ironia ha sentenziato con voce pacata:"...ne ho sentite tante ma questa è nuova, in ogni caso mi porti pure il parmigiano che lo sostituisco volentieri...";
Io (adesso con voce sostenuta a tratti):"...assolutamente non era questo il motivo per il quale le accennavo la stranezza...volevo solo far presente la cosa visto che qui acquisto regolarmente e non vorrei avere una stessa identica sorpresa...";
L'aiutante giovane a questo punto volgendo lo sguardo al tagliere rideva senza contenersi, ben supportato pur senza che ci fosse una occhiata di ricambio, dal tono del collega più anziano che rapidamente ha chiuso la conversazione sentenziando:"...la prego...è chiaro che lei è qui non per il cambio...ma a questo punto se torna nei prossimi giorni ci porta quel formaggio in modo da poter anche noi capire meglio...sa per curiosità!".
Non ho detto nulla, ho fatto di si con la testa, ciao con la mano bassa e con accondiscendenza al pari dei ragazzini imbarazzati e con il cestino di plastica appoggiato sull'avanbraccio mi sono avviato nel lungo corridoio che portava alle casse a testa china come la più frustrata delle persone. Mi sono bastati pochi scaffali di pasta tuttavia per riprendermi e pensare che potevo pure perderla una mezz'ora del mio tempo, quel tanto per capire se il cubotto di parmigiano avanzato potevo ancora sfruttarlo a mò di supposta per quel deficiente del garzone, magari avanzava anche qualcosa per il suo superiore.
Poco dopo ho avvisato MissD. chidendole se alla cena poteva pensare lei visto che sarei tornato a casa ma che poi avrei fatto nuovamente un salto al supermercato, spiegandole per sommi capi l'accaduto. Una volta a casa quindi ho avvolto nell'alluminio lo spicchio di formaggio 'alle noci', sempre più contento che assomigliasse ad un proiettile da mortaio, ho riposto nel frigo quanto non avrebbe potuto aspettare oltre della spesa appena fatta e poco dopo mi sono presentato ancora li al banco gastronomia del super.
Più sfatto di prima, più opaco nel viso, con gli occhiali ancor più protesi verso la punta del naso ma di certo con una diversa luce negli occhi. Stesso approccio precedente quello dei due addetti, il ragazzo che ha iniziato a sorridere non appena mi ha visto spuntare dal reparto orto-frutta, quello anziano invece ancor più compassato di prima in attesa di verificare e di poter dare nuovi spunti di sfottò al collega.
Apro la carta d'alluminio, porgo il pezzetto al di là del banco e toh, l'addetto anziano perde quel tratto ilare che aveva avuto fino a poco prima.
E'calmo ma non proferisce parola...al che ho incalzato:"...lo provi la prego, il sapore è netto, sa di noce...come le dicevo...". Il ragazzetto accanto non vedeva l'ora di procedere anche lui all'ispezione soprattutto perchè stupito della reazione seria del collega che era rimasto pensieroso davanti al cubotto stagionato. Imbarazzo totale (il suo) e gli sguardi di chi nei pressi aveva notato la scena completavano il quadro di un potenziale delirio infrasettimanale. Una manciata di secondi dopo finalmente è arrivata anche la 'diagnosi':"...non potevo crederci ed invece ha proprio ragione, a questo punto so anche cosa è successo, probabilmente questa forma che è arrivata da noi a Pasqua ed è stata messa in esposizione su dei sacchi di noci sgusciate ne ha preso anche l'aroma essendo il pezzo da lei acquistato parte della base stessa...vede il punto...dovrebbe essere pressapoco questo (indicando una forma ancora intera)". Rivestitosi quindi di professionalità è uscito dal bancone mi è venuto incontro con un nuovo e ben più grande spicchio di formaggio, incartato alla velocità della luce, accennando con lieve inflessione dialettale:"...mi deve scusare, ho capito che non era venuto a fare storie ma questo è il minimo che deve accettare come scuse, non potrei fare diversamente mi creda...non sa quante me raccontano...e non posso stare dietro a tutto...".
Ho provato a rifiutare anche con decisione ma senza alcun risultato. Ci siamo salutati con accennata stima e nel riguadagnare l'uscita passando nuovamente davanti al banco salumi ho volutamente guardato negli occhi il giovane garzone, oramai rimasto impalato a fare da spettatore leggermente incredulo. Dal mio viso lucido di stanchezza e dagli opachi occhiali è partito un piccolo sorriso omicida, ad accompagnare il ciao-ciao fatto con la mano bassa e solo di poco sollevata sulla vita, mano che adesso posso confessare per un attimo è stata tentata di chiudere impulsivamente e nello stesso tempo il pollice, l'indice, l'anulare ed il mignolo...e chi sa che non l'abbia fatto anche, involontariamente si intende...

Passiamo quindi alla ricetta.
Che sia un persecutore seriale di dolci da colazione-merenda è oramai cosa acclarata, quando infatti mi 'innamoro' di una preparazione mi piace esplorarla in varie declinazioni, seguendo ovviamente il gusto personale, fino a quando non trovo la versione adatta a me, quella che io definisco appunto da morto-di-fame...quella quindi che prevede un rifacimento industriale a settimane alterne per almeno un semestre. La fine della ricetta sopraggiunge quando i parenti o i vicini manifestano segni di nausea all'enessimo dono culinario, ennesima variante della stessa preparazione già offerta in molte altre occasioni precedenti seppur con piccoli cambiamenti. Per capirci...il mio amico-vicino parlando di questo pandolce...all'ennesimo cake offerto via balcone...mi chiedeva:"Gambetto...ma quanti kg di pere ti hanno regalato??".
E'chiaro che le pere le ho sempre comprate, il che a dirla tutta vuol dire che sono certamente oggetto di demenza-gastronomica galoppante...tuttavia prima di chiudere qui la semplice constatazione e prima che le pere scompaiano del tutto vi invito a provarlo questo pandolce. Semplice quanto ottimale per consistenza, per la leggera umidità che lo caratterizza e per quella persistente nota fruttata che lo rende speciale senza mai stancare all'assaggio in qualunque occasione avvenga. Ora è chiaro che io non sono in grado di tirare fuori una ricetta così ed infatti è del Nanni, che tra l'altro ha realizzato usando un lievito autoprodotto, spiegato stesso all'interno del post sul suo blog. Nanni è un amico ma questo poca importa al fine di far intuire a chi legge quanto il suo talento riesce anche su terreni sterili come quello personale che magari non si è impegnato per il lievito autoprodotto ma poi si è divertito però a rifare il suo pandolce in varie versioni. La ricetta originale ripeto la trovate qui, insieme ad un blog che è una miniera d'oro di suggerimenti, per le versioni da morto di fame invece accomodatevi anche sotto. Se fossi davvero bravo dovrei consigliarvi qualcosa con il quale accompagnare questo pandolce...che ne so...una pallina di gelato alla vaniglia...un tocco di fondente...un pò di confettura...eppure proprio non mi viene niente da dire perchè non l'ho mai affiancato a nulla, malgrado ne avessi fette ovunque sono sempre stato soggiogato dalla semplice degustazione....in fondo che sia un persecutore seriale di dolci da colazione-merenda non è una novità, no?! :P ehheheheeh

Solo per districarsi tra le varie foto...il pandolce nel piatto celeste e il mini pulmcake nel piatto bluscuro è nella sua versione "classica". C'è poi una versione con farina di grano saraceno (piccola percentuale), un cucchiao di marmellata di limoni e mele annurche...piatto bianco e porcellini
Ultima declinazione qui visibile (le altre sul serio non le ricordo) è quella con farina di grano saraceno (piccola percentuale), un cucchiao di marmellata di limoni e mele annurche e pere in eguale quantità con un paio di cucchiai di limoncello anche (i tre plumcake nel piatto rettangolare...).
Chiaramente l'aggiunta del cucchiaio di marmellata prevede che dalla ricetta originale, quella che leggerete a seguire venga tolto il medesimo peso di zucchero dal totale.
Un paio di note ancore...il dolce si conserva tranquillamente fuori dal frigo per un pò di giorni (non è mai arrivato oltre il quarto, quinto al massimo)...e mi raccomando la qualità delle pere, fondamentali. Io ho usato sia la Decana alquanto matura che la rossa William (la William rossa, detta anche Max Red Bartlett, completamente rossa...e non pezzata);)dalla buccia fine e profumata.
Sotto la ricetta originale modificata per equilibrio ma non nella procedura:

Pandolce alle pere Ingredienti
per 2 stampi da 500 gr.
300 gr. di pera Decana o rossa Williams matura (sbucciate e detorsolate); (per le alternative 150 gr. di pere e 150 gr. di mele annurche)
225 gr. di zucchero; (per le alternative 180 gr. di zucchero e 45 gr. di marmellata di limone)
120gr. di latte fresco intero;
80gr. di burro;
1 uovo (grande 60 gr.);
Sale un pizzico
Scorza grattugiata di limone
275 gr. di farina; (per le alternative 200 gr. di farina 00 e 75 gr. di farina di grano saraceno) una bustina di lievito per dolci, possibilmente non vanigliato;

Procedimento
Mettere nel frullatore la polpa delle pere a tocchetti, aggiungere il latte, lo zucchero, l'uovo, il burro (fuso), la scorza di limone grattugiata e l'uovo. Frullare ad impulsi cercando di non incorporare troppa aria e versare poi in una ciotola ampia. Setacciare poco alla volta sul frullato la farina mista al lievito incorporando con la frusta quanto basta ad ottenere un composto omogeneo. Versare negli stampi (io ne ho usati di cartoncino siliconato e sono l'ideale) che dovrebbero riempirsi per 3/4, (comunque conviene pesarlo per essere esatti). Cuocere a 170° per 50' circa, prima di togliere dal forno verificare la cottura con uno stecchino. Lasciar raffreddare un po' e poi togliere dagli stampi e mettere a raffreddare su una griglia.





33 commenti:

  1. ciao Gambetto
    leggerti è sempre un piacere! Ogni volta mi sembra di essere al tuo fianco ad ascoltarti ^_^
    e prendo nota di questa deliziosa ricetta da approntare appena la vagonata di dolci pasquali sarà finalmente finita!
    un caro saluto esteso a missD

    RispondiElimina
  2. pensavo se fossi stato io il commesso di quel negozio... meglio darsela a gambe!
    un abbraccio mio caro amico

    ps come vedi ti ho riabilitato :)

    buona settimana

    RispondiElimina
  3. Molto interessante! Ma sa Fb c'è la foto dello strudel ;)

    RispondiElimina
  4. Il tuo racconto di oggi mi ha rimesso di buonumore dopo una mattinata di cantiere deprimente.....Ed ho giusto finito il settimanale dolce da colazione, perciò, posso esimermi dal provarlo????
    Ciao, buon pomeriggio!

    RispondiElimina
  5. Dinemticavo......queste varianti di tutte le forme sono bellissime!!

    RispondiElimina
  6. Se non fossi certa di non esserti parente... direi che abbiamo lo stesso DNA!
    Non mi piace essere presa in giro e, se non gradisco un prodotto, sono capace di tornare nel negozio per fare educatamente le mie rimostranze.
    Se ne rese conto anche mio marito quando, dopo un mese dall'apertura di un nuovo supermercato di fianco a casa, all'entrata venni salutata dal direttore per nome.
    Il fatto è che, dopo avere acquistato due volte un vassoio di fette di fesa di tacchino, trovando sotto la prima fetta solo i ritagli, glieli avevo portati indietro dicendo che mi sentivo gabbata. Poi ebbi modo di far altre rimostranze...sempre educatamente.
    Il top dell'originalità andò invece alla nonna ottantenne della mia amica che riportò nel pomeriggio al banco ortofrutta del mercato, i semi delle clementine *senza semi* che aveva acquistato la mattina dicendo: *questi non glieli avevo pagati.*
    Per il dolce me lo studio ma mi sa che finirà pure questo tra i prossimi *todo*
    Buona Giornata
    Nora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cambiare supermercato prima no? almeno i commessi sarebbero stati contenti,vi divertite così tanto a torturare chi è in busta paga?
      Eleonora

      Elimina
    2. Saper ammettere un errore non è subire una tortura, è solo un segno di serietà, anche se non tutti sono all'altezza di comprenderlo.

      Elimina
  7. Meno male che sono arrivate le scuse, verbali e "sostanziali (o trattandosi di una "forma" di formaggio trattasi di scuse "formali"? Va bene, andiamo avanti, altrimenti pensi che "le pere" le compro anche io^^). Considerato che di solito non arrivano nemmeno le scuse, è successo quello che sempre dovrebbe succedere.
    Per il dolce, va bene, da compulsivo preparatore di questo tipo di "merenda", stai dando il meglio di te (dalle 17, anche di tè).
    Un abbraccio a te e Miss. D
    Fabio

    RispondiElimina
  8. Ciao Gambetto.
    Io quoto Fabio, ti è successo quello che dovrebbe sempre succedere.Invece succede troppo spesso di essere trattati in modo scortese e distratto. Ma ci sarà pure la possibilità di essere considerati come consumatori....
    Certe volte mi piacerebbe tornare agli alimentari vecchio stampo, dove magari trovavi quattro cose in croce, ma almeno eri trattato da persona. Non che oggi non accada mai, ma è molto molto più raro.

    Amo molto i dolci da colazione, se poi all'interno dell'impasto c'è la frutta, meglio ancora. Se quella frutta nello specifico è la pera, neanche ti sto a dire.
    Prendo appunti e a presto! :)

    RispondiElimina
  9. Ti dico solo una cosa: sei peggio di me! :D :D :D

    p.s. chissà se qualche altro cliente si è lamentato per delle noci che sapevano di parmigiano....

    Quanto alla ricetta, mi sa che anche io la replicherò. ;)

    RispondiElimina
  10. Grazie per l'ennesima citazione, della quale peraltro avevo avuto l'anteprima!
    Comunque quella ricetta non l'ho inventata io, viene da un vecchio libro di pasticceria e mi è piaciuta a colpo leggendo il procedimento.

    Tu piuttosto non finirai mai di stupirmi in quanto a personalizzazioni e... finezza sensoriale! :-D

    Senti ma... una cosa non ho capito: col tuo vicino i dolci ve li passate dal balcone?? ahahahah ;-DDD

    Un abbraccio!!

    RispondiElimina
  11. @Annaferna
    Annaferna, sei sempre troppo gentile con me! :)
    Il dolce da colazione\break\merenda merita per consistenza e per sapore ma come hai ben capito il merito è solo del Nanni che è un vero talento in cucina!
    Grazie per il saluto esteso...ricambio con affetto

    @Gio
    Quando ci risentiremo o ci rivedremo...ti meno...sei sparito e non so con chi fare lo stalker...torna con dei dolci sottomano che altrimenti sono dolori! :P ehehhehehe

    @Memole
    Grazie Memole!

    @Giulia pignatelli
    Si purtroppo per la foto...lo scherzo è di fb non mio...tecnicamente non so proprio come sia possibile che esca quella immagine da quel link...:)

    @Franci e vale
    Provalo...vedrai che il gusto fruttato la mattina ha il suo perchè, per le varianti vedrai verranno da sole, è di facile esecuzione ma di ancor più facile smaltimento si affetta quasi senza accorgersene! :D ahahahhaha

    @TataNora
    Guarda non avevo dubbio. Si intuisce il tuo caratterino dai commenti, dalla sensibilità che hai nel cogliere situazioni ed atmosfere ragion per cui non ho proprio alcun dubbio se fosse capitato a te...avresti colto anche tu quel disagio per poi trasformarlo in rivincita.
    Confesso che mi è andata bene potevo anche imbattermi nello scostumato che mi dava ragione ma senza soddisfazione (ovviamente non mi interessava avere un pezzo più grande)...ed invece ho più apprezzato il fatto che sia uscito a salutarmi dopo quando me ne sono andato.
    PS
    Posso fare mio l'episodion della nonna ottantenne della mia amica...prometto che citerò il copyright ma non posso non rivendermela alla prima occasione buona! :D ehehhehe

    Grazie per esserci sempre qui, mai in modo banale ma ancora una volta con la tua coerenza e con il tuo caratterino!

    @Anna Luisa e Fabio
    Santa donna Anna Luisa...santa santa santa...se ti avessi a portata di mano per ogni battuta come quella sopra...saresti beraglio di un lancio di oggetti contundenti!! :D ehehhehehehehe
    Qui le pere però me le faccio io...per reggere la vista dei dolci di Anna Luisa e non per i tuoi piatti che pure non mancano sul blog...ma come sai è la natura di noi dell'Arenella essere dispettosi con i propri compagni di liceo! :D ahahaahahahah
    Grazie di essere passato di qui...un saluto alla santa...a te non lo so ci penso prima di salutarti in modo affettuoso! :P

    @Michela
    Si, la dimensione della salumeria o del fruttivendolo di quartiere appartiene di più anche a me, laddove esiste uno scambio umano che è poi alla base del rapporto commerciale, una sorta di prolungamento dei ruoli fornitore-cliente a maggior garanzia di entrambi. Quello che solitamente non sopporto è la dimensione di invisibilità data dal fatto che sei sempre e solo un numero per un addetto della grande distribuzione e quindi come tale vieni trattato quando il rapporto non si riduce al solo servizio in se e per se. E'chiaro che è anche quello è un lavoro duro e usurante perchè mi immagino come possa essere difficile gestire una folla eterogenea...
    Insomma meglio il dolce credimi! :D

    @Lo Ziopiero
    Secondo me tu...quando entri in un supermercato dove ti conoscono...i dipendenti si buttano attraverso le uscite di sicurezza pur di non incrociarti!! :P ahahahhaha
    Non ho dubbi che troverai anche tu una grande versione...una ZioVersione ovviamente :))))

    @Nanninanni
    Io personalizzo solo l'aria dopo aver mangiato "pasticcini alle mandorle artigianali"!!!! :P ahahahahaah
    Per i vicini...si hai capito bene...gli faccio uno squillo a telefono...si affacciano...et voilà...il pane...i dolci...i semifreddi passano da una parte all'altra...che squilibrato che sono vero?! :))))
    Grazie a te per esserci...non qui...ma sul web per competenza e nel reale come amico :)

    RispondiElimina
  12. Sono capitata in questo blog per caso, pensa, su un vecchio post che parla dei tuoi assalti al buffet dei dolci!E devo dirti che i blog che mi piace leggere devono essere come il tuo: simpatici, con annedoti divertenti di vita reale e ricette interessanti... qua beh è il paradiso dei dolci!!!!
    Da oggi ti leggerò con piacere e ne ho di tuoi post da leggere per rimettermi in pari!!!
    Chiara
    criminiincucina.blogspot.it

    RispondiElimina
  13. pere senza le alternative. ma se aggiungessi un poco di zenzero fresco che con le pere mi piace un sacco che ne dici?
    per il resto che dire..... mi sarei aspettata una ricetta con parmigiano alle noci, magari in un dolce, non so come, ma mi aspetto di tutto da te!!!! :)
    buonissima giornata

    RispondiElimina
  14. ma non è che potresti venire da me, a riportare al supermercato quella confezione di zucchero piena di umidità che ho comprato un mese fa e che non riesco mai a portare indietro???

    PS. non ho capito se hai usato degli stampi a forma di fetta o se hai fatto dei tagli vergognosamente perfetti.

    RispondiElimina
  15. Deliciosa questa ricetta con le pere~!

    RispondiElimina
  16. Le forme a maialino sono S t r e p i t o s e !!

    Valeria

    RispondiElimina
  17. @Chiara Benvenuti
    Non ho avuto ancora il tempo di farlo con la calma che vorrei...ma prometto di trovare quei 5 minuti per venirti a leggere perchè "crimini in cucina" come biglietto di presentazione è tutto un programma che merita quanto primo di essere approfondito!! :P ehehehehe
    Grazie per l'apprezzamento e piacere di conoscerti :)

    @GrEAT
    Sai che sono psicopatico...ecco perchè ti aspetti il gesto folle :P ahahahahhah
    Secondo me lo zenzero ci sta una favola e lo dice uno che non lo ama...però penso si presti benissimo allo scopo in questo caso :)
    Buonissima giornata a te...nella speranza di saperti presto ad un festival...

    @Elvira
    I tagli li ho fatti con la spada laser di Darth Vader!! :P ahahhahahah
    Sapendo quanto sono un pippone con le cose di precisione non ci sarei riuscito nemmeno con un goniometro...è uno stampo infatti :)
    PS
    Io vado al supermercato ma pretendo di essere pagato...in dolci chiaramente :)

    @lapiubelladitutte
    Da provare :)

    @Valeria
    Quelle rispecchiano il mio animo gastronomico...da suino!! :P ahahahahahah

    RispondiElimina
  18. ciaooooo ma ke blog carino...
    nuova lettrice ti aspetto da me...kiss

    http://assaggi-incucina.blogspot.it/
    http://karinacosmetic.blogspot.it/

    RispondiElimina
  19. nun gna fo!!! :( causa lavoro ma di sti tempi non bisogna lamentarsi!!

    RispondiElimina
  20. L'ho fatto ieri sera.

    Come al solito gli equilibri dele tue ricette perfetti (ero dubbioso sulla grande quantità di zucchero ma mi son fidato e ho fatto bene!); sapore delicato; consistenza giusta.

    Che dirti ancora? Da assuefazione...
    Ora ti saluto che ne vado a mangiare un'altra fetta!!!:)))

    RispondiElimina
  21. Ti ho pensato pochi giorni fa, o meglio ho pensato a questo post: ho comprato del vitello e l'ho fatto macinare, senonchè una volta a casa sentivo un odore strano...sapeva di agnello!
    Morale della favola l'ho riportato e il macellaio mi ha candidamente ammesso di non aver pulito la macchina prima di metterci la carne, volevo buttare lui nel tritacarne!!!

    Questo pandolce ispira moltissimo, e mi fa piacere vedere le formine a maialino usate, mi avevano fatto troppa simpatia appese al muro...;-)

    RispondiElimina
  22. Salve!

    Abbiamo visto che hai tantissime deliziose ricette nel blog! Vogliamo presentarti il sito http://www.ricercadiricette.it, dove gli utenti possono cercare tra oltre 150000 ricette che appartengono a siti web e blog in italiano. Abbiamo anche creato il Top blogs di ricette, dove puoi trovare tutti i blog che ci sono già aggiunti. Puoi anche aggiungere il tuo blog all’elenco! Noi indicizziamo le tue ricette e gli utenti le potranno trovare usando il nostro motore di ricerca. E non devi preoccuparti, tutto in Ricercadiricette.it è gratuito!

    Ricercadiricette.it ha diversi siti fratelli in Svezia, Spagna, Francia, Stati Uniti e in tanti altri paesi. Vuoi diventare un membro di questa grande famiglia?

    Restiamo a tua disposizione!

    Ricercadiricette.it

    RispondiElimina
  23. ma dov'eri nascosta,fantastiche le tue preparazioni, sei uno chef?la perfezione assoluta, super , io mi aggiugo così non ti perdo se vuoi vedere il mio semplicissimo blog ecco l'indirizzo http://cioccolatoamaro-paola.blogspot.it/

    RispondiElimina
  24. Beh, posso chiederti qual è il tuo supermercato? finalmente qualcuno che conosce il suo mestiere e la correttezza e sa ammettere uno sbaglio. In genere sono così poco simpatici.

    RispondiElimina
  25. ma che buono che deve essere..e che carino servito a fette così..

    RispondiElimina
  26. Grande blog, verrò di nuovo qui!
    La ricetta è incoraggiante, sembra grande!

    RispondiElimina
  27. Tu sei un grande!!!!! Seguirti sarà un immenso piacere. Complimenti davvero. Poi scrivi in un modo che incanta.... sono estasiata dalle tue parole. Chapeau!!

    RispondiElimina